×

Attenzione

Errore nel caricamento del componente: com_tags, Componente non trovato

Con l'avvento del nuovo millennio, Lucera ha mantenuto il suo posto di centro del Subappenino, con la presenza di studenti, frequentanti i diversi istituti superiori di cui la città è fornita. Nell'area polifunzionale, realizzata nel pressi della stazione ferroviaria, è stata collocata la Colonna del Terzo Millennio, realizzata da Salvatore Lovaglio.

Il Terzo Millennio ha portato buone notizie sulle causa di canonizzazione di Don Alesandro de Troja che dal 7 luglio 2000 è Servo di Dio. Il 5 agosto dello stesso anno, nella piazzetta antistante la casa Natale di san Francesco Antonio Fasani, è stato inaugurato un nuovo monumento in suo onore.

Nel 2001 Lucera vide finalmente il ritorno dell'Università con un corso di Beni Culturali, che però dal 2008 è stato trasferito a Foggia, dando l'ennesima batosta alla città, e una Scuola di Specializzazione in Scienze Giuridiche Specialistiche. Nel 2002 viene istituito il festival della letteratura mediterranea e nel 2005 il teatro Garibaldi, chiuso dalla seconda guerra mondiale, è stato finalmente riaperto.

Sempre nel 2001 la trecentesca chiesa di San Francesco è divenuta il Santuario di S.Francesco Antonio Fasani e nel 2008 "Monumento di una cultura di pace". Negli ultimi anni al Padre Maestro sono stati dedicati anche il nuovo quartiere “Lucera due” con l’edificazione di una parrocchia, un Istituto Comprensivo (scuola primaria nel quartiere della Ferrovia - scuola seconaria di primo grado, nei pressi del Convitto Nazianale) e un Centro di Solidarietà, nella struttura che ospita la Caritas Diocesana, dove sorgeva l’ospedale oftalmico.

Il terremoto del 31 ottobre 2002 ha lesionato diversi edifici, causando la chiusura di alcune chiese del centro storico. Ad oggi restano ancora chiuse la chiesa di San Leonardo e la chiesa di Sant'Anna, mentre le altre, rimesse in sicurezza, sono state riaperte al culto.

Nel 2005 l'Istituto Primario "Bozzini", nel quartiere dei Cappuccini, viene dichiarato innagibile. Resta nell'abbandono per anni e solo nel 2010 sembrano iniziare i lavori per un totale rifacimento della struttura. Nel 2009 viene inaugurato, nel quartiere 167, il nuovo Istituto Comprensivo "Bozzini-Fasani".

Il 14 luglio 2009, dopo più di quarant'anni, la tratta ferroviaria Lucera-Foggia ha ripreso a funzionare, riducendo notevolmente le corse degli autobus. Il progetto prevede il futuro collegamento con Campobasso facendo nascere così la tanto attesa tratta Foggia-Lucera-Campobasso-Roma.

Il 16 novembre 2010, la cella, dove ha vissuto per 35 anni e ha esalato l’ultimo respiro San Francesco Antonio Fasani, è tornata a far parte del convento di Lucera. La comunità dei frati ha infatti ottenuto l’area da parte dell’Amministrazione Penitenziaria, che la deteneva da ben 144 anni.

Il 29 novembre 2010 viene inaugurato a Lucera l' "Anno Giubilare Fasaniano", in ricordo del 25° anniversario della canonizzazione di San Francesco Antonio Fasani, che si chiuderà il 29 novembre 2011.

La città ad oggi mantiene il suo Tribunale e il suo Carcere, l’ospedale Francesco Lastaria, la sede del commissariato di Polizia, nonché dei Vigili Urbani, dei Carabinieri e dei Vigili del Fuoco; è sede di diversi ufficio finanziari, dall’Ufficio delle Entrate alla Conservatoria dei Registri immobiliari.

La città ora si fregia del titolo di "città d'arte". La biblioteca “Ruggero Bonghi” conta più di centomila volume di diverso genere e di vari secoli. Il restaurato museo “Archeologia Urbana "Fiorelli" e il museo Diocesano conservano numerosi reparti storici-artistici.

Dagli ultimi dati ISTAT la popolazione di Lucera supera i 35000 abitanti, anche se, a causa della mancanza di lavoro, molti giovani sono costretti ad emigrare verso il centro-nord italia, nella speranza di creare il proprio futuro.

Info sul sito

Questo sito nasce con l'intento di mostrare e far conoscere i monumenti, la storia e i personaggi di Lucera.

CENTRO INFORMAZIONE TURISTICA

Punto informazione e distribuzione materiale turistico
Piazza Nocelli, 6 
Numero Verde 800/767606

Login

.

Vai all'inizio della pagina