×

Attenzione

Errore nel caricamento del componente: com_tags, Componente non trovato

Il Museo Diocesano di Lucera, fondato nel 1999 al tempo dell’allora vescovo diocesano mons. Francesco Zerrillo, è stato allestito negli ambienti dello storico appartamento dei vescovi lucerini ed è curato dall’Ufficio Diocesano per i Beni Culturali Ecclesiastici. Le aperture ai visitatori e le visite guidate agli ambienti e al patrimonio artistico del museo sono garantite dai volontari della suddetta associazione culturale “Terzo Millennio”.

Al museo si accede varcando l’ingresso principale del settecentesco e barocco Palazzo Vescovile, sito in Piazza del Duomo 13, proprio di fronte alla trecentesca e gotica Cattedrale di Santa Maria Assunta. Il suddetto ingresso immette nel cortile che è suddiviso in due ordini e presenta una pianta rettangolare con il lato frontale curvilineo e due scalinate laterali e simmetriche di cui quella a destra dà accesso al museo.

Le sale del museo presentano pregevoli arredi che vanno dal Settecento al Novecento. L’insieme delle opere artistiche e liturgiche custodite comprende la maggior parte del Tesoro dell’Archivio Capitolare del Duomo lucerino, quelle provenienti dalle chiese e dai luoghi d’arte della diocesi lucerina, nonché i diversi paramenti sacri, i preziosi reliquiari e le suppellettili ad uso liturgico, finemente lavorate.

Tra più importanti tesori dell’Archivio Capitolare della Cattedrale di Lucera che si conservano in questo museo occorre ricordare: un prezioso reliquiario a pisside duecentesco realizzato da un artista arabo-siculo; i paramenti sacri trecenteschi indossati dal beato Agostino Kazotic durante il suo episcopato a Lucera; la trecentesca coperta di evangeliario in lamine d’argento dorato, finemente lavorata a sbalzo da orafi sulmonesi; l’armadio-cappella settecentesco con altare finemente intagliato e dorato, appartenuto al vescovo mons. Alfonso Maria Freda e tuttora ospitato nella cappella privata dei vescovi lucerini, che oggi è parte integrante del museo in esame.

Tra le sculture sacre esposte nelle sale museali sono degne di nota la Madonna del Melograno, realizzata nel XIV secolo in pietra colorata, e la coeva Madonna della Stella, facente parte del trittico di un cenotafio successivamente smembrato. Le opere pittoriche più significative sono quelle rinascimentali, entrambe cinquecentesche, che ritraggono rispettivamente: la Madonna delle Grazie tra i Santi Giovanni Battista e Francesco d’Assisi (opera di Carlo Tolentino); e la Madonna della Pietà (dipinta da Francesco da Torremaggiore). La prima si trova nel salone di rappresentanza dello storico appartamento vescovile, oggi musealizzato, mentre la seconda è ospitata nell’attigua sala insieme alle suppellettili liturgiche finemente lavorate tra il Settecento ed il Novecento.

Inoltre, nelle prime due sale museali a partire dall’ingresso, sono tra l’altro ospitati i ritratti dei vescovi (i più antichi sono settecenteschi e si devono a mons. Alfonso Maria Freda) ed i loro relativi stemmi dipinti nelle parti alte delle pareti. I ritratti dei vescovi lucerini costituiscono l’essenza della Pinacoteca vescovile e sono presenti anche nelle altre sale del museo.

Il Museo Diocesano del Palazzo Vescovile di Lucera, sito in Piazza del Duomo n. 13, è normalmente aperto al pubblico nei giorni di lunedì, mercoledì, sabato e domenica dalle ore 10:00 alle ore 12:30. Le aperture serali hanno invece luogo nella prima domenica di ogni mese.
Per info e prenotazioni: tel 088/152.08.82

Di: Michele Nardella

Info sul sito

Questo sito nasce con l'intento di mostrare e far conoscere i monumenti, la storia e i personaggi di Lucera.

CENTRO INFORMAZIONE TURISTICA

Punto informazione e distribuzione materiale turistico
Piazza Nocelli, 6 
Numero Verde 800/767606

Login

.

Vai all'inizio della pagina