×

Attenzione

Errore nel caricamento del componente: com_tags, Componente non trovato

San GiacomoLa chiesa di S.Giacomo, sita nell'omonima piazza, si ritiene sia la più antica di Lucera, infatti secondo fonti storiche, S.Pardo quando giunse a Lucera per la sua faticosa opera di cristianizzazione della comunità, fece eriggere verso il 254 una chiesa, che divenne la cattedrale della città. Nel 663 seguì la sorte della città, distrutta dalle truppe di Costante II; in quest'occasione furono trafugati i resti di S.Pardo e di S.Basso.
Venne ricostruita nel sec. VIII e vi fu custodita la statua di S.Maria portata a Lucera dal vescovo Marco II.

Da documenti storici, la chiesa con l'attiguo convento, risulta esistente gia nel sec.VII alle dipendenze dei monaci cassinesi; dei benedettini di S.Vincenzo al Volturno nel sec.IX e dei benedettini di Cava nei secoli XI, XII e XIII sotto i quali fu rifatta nel 1182 dal beato Benincaso.

La chiesa di S.Giacomo ebbe diverse denominazioni o titoli. Si chiamava dei Santi Filippo e Giacomo nei documenti degli anni 845, 949, 1054, 1073, 1096 e 1099; dei Santi Giacomo e Barnaba nei documenti degli anni 1039 e 1064; dei S:Giacomo nei documenti degli anni 1038, 1109, 1115, 1121 e 1181.

Distrutta insieme ad altre chiese dai saraceni, fu nuovamente riedificata, dopo la cacciata di quest'ultimi, da Roberto d'Angiò. La chiesa fu ricostruita altre volte, finchè agli inizi del novecento, a spese dei fratelli Curato, Francesco (sindaco di Lucera) e Baldassarre, fu abbattuta e sostituita da una più grande spostandola dal centro della piazza e arretrandola nell'attuale posizione. Costruita dal mastro Fasano Colabella, fu dotata di un campanile e di una casa canonica. Nel 1941 la si arricchì con 12 medaglioni riproducenti gli apostoli e da due quadri laterali alla nicchia di S.Giacomo, riproducenti la chiamata all'apostolato e il martirio del santo, opere di Luigi Torelli di S.Nicandro Garganico.
All'interno è conservata la statua della Madonna della Vittoria, riproduzione angioina del sec.XIV dell'originale statua bizzantina portata a Lucera dal vescovo Marco II.

Tale statua, come le contemporanee statue della Madonna della Misericordia conservata al Carmine e della Madonna della Libera conservata a S.Giovanni, ricordano il prodigio compiuto da S.Maria Patrona che permise la liberazione della città, da parte degli angioini, dagli infedeli saraceni.

Info sul sito

Questo sito nasce con l'intento di mostrare e far conoscere i monumenti, la storia e i personaggi di Lucera.

CENTRO INFORMAZIONE TURISTICA

Punto informazione e distribuzione materiale turistico
Piazza Nocelli, 6 
Numero Verde 800/767606

Login

.

Vai all'inizio della pagina