×

Attenzione

Errore nel caricamento del componente: com_tags, Componente non trovato

Madonna della PietàIl 3 maggio del 1573, presso un'edicola tuttora esistente, accadde un evento miracoloso: un cieco di Biccari, in preghiera presso l'edicola, riebbe la vista. A ricordo di questo miracolo, fu eretta la chiesa di Santa Maria della Pietà, aperta al culto nel 1591, come ricorda un'escrizione sull'architrave della porta di ingresso.

Per volontà del vescovo Pietro de Petris, la chiesa e l'annesso convento, fu affidata ai frati minori osservanti.
Con il passare del tempo, la chiesa non ha perso il suo originario stile barocco, cosa che non si può dire sia accaduto al convento, il quale dopo essere stato incamerato dallo stato, fu adibito prima a caserma per la Cavalleria, poi a sede della Colonia Agricola e professionale Luceria Nova e infine divenne collegio per studenti dedicato al parlamentare Alfonzo de Giovine. Oggi si presenta agli occhi del visitatore come un edificio fatiscente ed in stato di abbandono.

Soffitto PietaEntrando nella chiesa, è possibile ammirare il soffitto finemente dipinto in stile barocco, dove in tre medaglioni sono situate tele di scuola napoletana del 1600 raffiguranti S.Francesco, S.Michele e Pietà.

Gli altari in stile barocco, disposti ai lati dell'unica navata, risalgono tutti al 1700 e presentano lapidi dedicatorie dei principali benefattori. Tra le statue che adornano questi altari, le più belle ed interessanti sono quelle di S.Francesco e dell'Immacolata del sec.XVIII.

Al centro della navata possiamo ammirare l'altare maggiore, anch'esso del sec.XVIII, ai piedi del quale, in una piccola nicchia, vi è la miracolosa effige della Madonna della Pietà, con il figlio deposto dalla croce tra le braccia e ai cui lati vi sono S.Francesco d'Assisi e S.Giovanni Battista.

Alle spalle dell'altare maggiore vi è il pregevolissimmo Coro, esempio di complesso e fine lavoro d'intarsio del 1400, formato da due piani: il piano sollevato, il più ricco di intarsio, si compone di 15 stalli, di cui il centrale è quello più ampio ed è riservato al guardiano. Lungo gli stalli c'è una larga fascia liscia cui sovrastano in senso verticale, specchi rettangolari chiusi da cornici. Gli specchi sono divisi da pilastrini affusolati. Sulla lunga fila degli specchi vi corre un'elegante e stretta cornice sulla quale vi gira una fascia larga divisa da piccole lesene.
Il piano inferiore, più modesto, è composto da due lunghi sedili ad angolo tra i quali vi è, al centro, uno spazio per l'accesso allo stallo del guardiano. I sedili hanno semplici dorsali che fanno anche da parapetti ed inginocchiatoi al piano superiore, sorreti da piedi a "C". I dorsali sono con quadrature semplicemente intarsiate: le strisce d'intarsio hanno colore più chiaro che si distingue sul fondo noce scura.

Info sul sito

Questo sito nasce con l'intento di mostrare e far conoscere i monumenti, la storia e i personaggi di Lucera.

CENTRO INFORMAZIONE TURISTICA

Punto informazione e distribuzione materiale turistico
Piazza Nocelli, 6 
Numero Verde 800/767606

Login

.

Vai all'inizio della pagina