08Gennaio

Lucera: storia dell’aeroporto da cui decollavano i B-17

Un sito internet anglo-francese www.forgottenairfields.com dedicato agli aeroporti dimenticati e abbandonati ricostruisce la storia dell’aeroporto di Lucera attivo durante l’ultimo conflitto
mondiale.
Il complesso sorgeva alle spalle dell’attuale sala ricevimenti “Vigna Nocelli”, lungo la SS17. Era la base aerea più importante di quelle situate a poca distanza da Lucera, un’altra di simile grandezza era posta in località Visciglito, sulla Lucera – San Severo.

Foto dell'aereoporto di Lucera
Tracce sull terreno dell'aereoporto di Lucera
B-17 in fase di atterraggio
Momento di relax
Piloti del Tuskegee Airmen

Quello lungo la SS17 fu costruito alla fine del 1943 dagli americani e faceva parte del complesso aeroportuale di Foggia, costituito da circa 30 campi di aviazione posti in un raggio di 40 km dal capoluogo dauno.

L’aeroporto di Lucera era situato a circa 13 km a nord-ovest di Foggia, con una pista di volo, una torre di controllo in acciaio, strutture per il personale e per il ricovero degli apparecchi.
L’aeroporto diventò operativo dal febbraio del 1944 e da esso prendevano il volo i bombardieri  B-17, conosciuti anche come Fortezze volanti, aerei quadrimotore della classe dei bombardieri pesanti. Il B-17, con un equipaggio di 10 persone, venne impiegato principalmente nelle campagne di bombardamento contro bersagli tedeschi civili e militari, come raffinerie, vie di comunicazione e complessi industriali.

L’unità di base a Lucera ricevette anche un encomio solenne perché il 25 febbraio del 1944 provocò ingenti danni alla fabbrica di produzione del caccia “Messerschmitt” a Ratisbona, in pieno territorio tedesco, riuscendo lì dove in precedenza gli alleati avevano fallito subendo ingenti perdite di velivoli e di equipaggi.

Da Lucera durante il conflitto mondiale partirono missioni d’appoggio alle forze impegnate ad Anzio e Cassino, azioni di appoggio all’esercito Russo impegnato nei Balcani e successivamente le unità stanziate a Lucera supportarono l’avanzata degli alleati nella pianura padana con bombardamenti strategici su vie di comunicazione e centri di comando tedeschi. L’aeroporto rimase operativo fino all’aprile del 1945 e fu poi chiuso definitivamente nell’ottobre dello stesso anno. Negli ultimi mesi di attività la base aerea lucerina ospitò i caccia P-51 Mustang del 332° Gruppo Caccia denominato "Tuskegee Airmen", una squadriglia di volo composta integralmente da piloti afroamericani.

Posted in Generale

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Info sul sito

Questo sito nasce con l'intento di mostrare e far conoscere i monumenti, la storia e i personaggi di Lucera.

CENTRO INFORMAZIONE TURISTICA

Punto informazione e distribuzione materiale turistico
Piazza Nocelli, 6 
Numero Verde 800/767606

Login

.

Vai all'inizio della pagina