• Lucera Saracena
  • Lucera Minore
  • La Fortezza Sveva-Angioina

  • Lucera: I dintorni
  • Duomo

  • prova caption
  • Il castello sorge sul monte Albano (m. 250), che domina la vasta pianura del Tavoliere, tra Lucera e i monti dell'Appennino. Esso si erge sulla primitiva Rocca diomedea e............
  • Al centro di una vasta piazza nella quale come allo sbocco di un delta confluiscono rivoli di strade minori, sorge maestosa la Cattedrale dell'Assunta. Debellati i Saraceni nell'agosto del 1300.........
×

Attenzione

Errore nel caricamento del componente: com_tags, Componente non trovato

LuceraQuando t’apparirà da lontano l’arco ogivale di Porta Troia e vedrai in un volgersi immenso di solitudine Lucera, dal chiarore infinito del grano, balzata sui suoi tre poggi, potrà succederti che alcuni fra i più avventurosi fantasmi della storia vengano a mettersi allato.(...)
Quando sarai arrivato già dentro Lucera, al Belvedere, e da quell’ameno paesaggio ti sporgerai sul precipizio che va a cadere dove la pianura fugge, la città ti apparirà che si inalbera simile a un promontorio, a un salire dalle sue porte militari per amabili pendii verso il brusco orrore del vuoto. Tenderai allora l’orecchio per sentire se dall’alto d’un minareto non s’alzi ancora almeno un grido…. Non ci sono più minareti in questa che fu la “città senza croci” .
Le memorie qui sono romane o angioine. Roma, Roma, Roma qui non finirà mai di risuscitare: la sua antichità in questa terra è inesauribile e l’altro giorno ancora in mezzo al Belvedere s’è aperta una fossa e s’è messa a buttare pargoli in fasce, giovi, veneri, bracci, piedi, falli: una vera montagna di terrecotte votive.- Ungaretti,1934

Città di frontiera, Lucera per millenni, per via del suo privilegiato sito geografico, è stata la vedetta dell'alta Puglia, e come tale, teatro di inportanti vicende storiche.
Lucera domina, dall'alto dei suoi tre colli, la vasta pianura dauna, uno dei crocevia della storia mediterranea: qui si osservarono Pirro e Annibale contrastare l'impero romano; qui si assistette alla fraterna lotta tra Cesare e Pompeo; qui si videro posare, dal normanno Roberto, le basi di quell'impero che lo svevo Federico II consolidò, creando quel regno del sud che allora ebbe il suo ciclo d'oro.

Per molti Lucera è stata sempre dalla parte del più forte per una scelta alla don Abbondio, ma ciò non è vero; se mai si è trattato sempre di una responsabilità partecipe del potere dominante
Lucera fu costantemente filoromana e Augustea; fu sveva e saracena con Federico II e con Manfredi; fu prediletta sede angioina; fu aragonese quando accolse tra le sue forti mura gli uffici della dogana delle pecore; fu spagnola quale sede prescelta a capoluogo di uno dei più vasti territori amministrativi; e fu borbonica.
Questa e la Lucera maior che si è imposta all'attenzione degli studiosi e dei visitatori di ogni tempo, quale fenomeno storico di efficiente e plurimillenaria vitalità che verrà rivisitata in queste pagine.

Info sul sito

Questo sito nasce con l'intento di mostrare e far conoscere i monumenti, la storia e i personaggi di Lucera.

CENTRO INFORMAZIONE TURISTICA

Punto informazione e distribuzione materiale turistico
Piazza Nocelli, 6 
Numero Verde 800/767606

Login

.

Vai all'inizio della pagina